Il glossario per conoscere l’Analisi Transazionale

Questa pagina vuole offrire uno strumento per conoscere i principali termini dell’impostazione toerica analitico-transazionale.
Sono termini base che aiutano a comprendere meglio alcuni concetti chiave che qui al Centro Berne vengono utilizzati costantemente, tanto nella formazione quanto negli altri tipi di attività.
I termini sono presentati in ordine alfabetico.

magnifying-glass-242999_1280
Analisi Transazionale

L’analisi transazionale si concentra prevalentemente sulle relazioni con gli altri come punto di partenza per arrivare a fare emergere il modo con cui la persona limita le sue possibilità, e quindi mettere a fuoco il copione ed il piano di vita personale.

Carezza Positiva

Vedi Riconoscimento positivo

Copione

Si intende per Copione la tendenza a ripetere, in diverse occasioni della vita, determinati comportamenti, e modalità di pensiero, e risposte emotive; ripetizione che non è positiva per la persona che la mette in atto, ma piuttosto restringe le sue potenzialità in tutti i campi della vita.
Le radici di questa ripetizione si trovano nelle risposte che la persona ha dovuto elaborare di fronte a situazioni problematiche della propria infanzia. Tali risposte, che erano allora in qualche modo funzionali alle esigenze di vita di un bambino, non lo sono più oggi.
D’altra parte, proprio a motivo della sua origine, e delle caratteristiche di una mente ancora inadeguata di fronte alla complessità del reale, qual è quella di un bambino, il Copione sfugge normalmente alla consapevolezza dell’adulto, e mantiene una sua rigidità di fronte agli stimoli di cambiamento – che pure vengono dall’ambiente e dalle esperienze della vita.

Gioco psicologico

E’ una dinamica competitiva molto frequente fra due o più persone caratterizzata da un’emozione finale spiacevole. E’ tipico del gioco il ripetersi con una certa frequenza e la mancanza di consapevolezza iniziale dei “giocatori” circa la conclusione sgradevole.

Posizioni esistenziali

Esprimono l’ atteggiamento interno, di fiducia o no, che ciascuno di noi tende ad assumere nei confronti di se stesso e degli altri.
Sono influenzate dalle prime esperienze relazionali, ma possono essere modificate nel corso delle successive esperienze di vita, compresa l’ esperienza relazionale con un terapeuta.
L’ alternarsi di fiducia e sfiducia da una polarità relazionale all’ altra, indica che non si è ancora raggiunta la posizione della fiducia di base, che permette di navigare serenamente nelle vita e nella relazioni.
L’ Analisi Transazionale esprime questa maturità di esperienza relazionale con la formula dell’ OKness (Io sono OK – Tu sei OK) : mi fido di me e mi fido dell’ altro.

Riconoscimento positivo

E’ un momento di comunicazione fra due interlocutori nel quale il primo offre al secondo un contenuto comunicativo gradevole. Il riconoscimento può essere fisico ma anche mimico/espressivo o verbale sotto forma di gratificazione per qualcosa di ben fatto o per un aspetto che si apprezza dell’altro.

Triangolo drammatico (o Triangolo di Karpman)

Rappresenta i tre ruoli tipici delle comunicazioni disfunzionali. Due ruoli sono caratteristici di chi tende a “mettersi sopra” (il Persecutore e il Salvatore); e uno è tipico di chi tende a “mettersi sotto” (la Vittima) nel rapporto con l’interlocutore.
Una comunicazione basata su questi ruoli può facilmente degenerare in -> giochi psicologici.

 

 

Facebook
Facebook
LinkedIn
YouTube
YouTube